Vuoi attraversare l'Islanda da nord a sud a piedi?

Mathis Behaegel lo fece, come gli sussurrò la sua vocina interiore. Lo ha fatto a modo suo,lontano dai turisti forgiando la sua strada, fidandosi del suo destino e della sua possibilità di credere nella sua libertà.Nonostante la giovane età, Mathis è già uno di quei grandi viaggiatori che non hanno paura di nulla e per i quali nulla è impossibile.

Meglio conosciuto sui social network con il soprannome "la Tortuga" (in spagnolo), la tartaruga (in francese), ha già visitato 25 paesi, 4 continenti e percorso più di 10.000 chilometri.

 

Appassionato di video editing, condivide i suoi viaggi on line con talento su internet con la voglia di trasmettere la sua esperienza a chi vorrebbe seguire le sue orme.

Durante le sue spedizioni, lascia la macchina fotografica in mano per realizzare i suoi film / documentari,per trasmettere la sua passione per i viaggi, ma anche per diffondere un messaggio o un insegnamento su ciò che ha vissuto. Grande amante della natura e dei grandi spazi aperti, è un fervente difensore dell'ambiente.

 

Nel suo blog di viaggio Tortuga Videos , presenta un resoconto dettagliato di tutte le sue avventure in modo che, a loro volta, i suoi iscritti possano diventare, come dice così bene, "esploratori che viaggeranno rispettando gli Umani e la Natura".

La tortuga esplora, sperimenta, cerca l'ignoto, si prende il tempo per viaggiare ma non si ferma mai. La Tortuga impara camminando al proprio ritmo. La Tortuga non ha paura di fallire, di cadere, di rotolare, di ribaltarsi. Ci riesce provando, spingendosi in avanti e spingendosi sempre in avanti.


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 


Ma chi è veramente il Tortuga o meglio chi è Mathis?

Durante la nostra intervista, mi ha confidato di aver iniziato la sua carriera come tutti gli altri e ha iniziato a descrivermi la sua carriera: "dopo i miei studi in comunicazione, ho lavorato tra quattro mura, in un ufficio. Era abbastanza ben pagato, ma questo non è la vita a cui aspiravo. Così, dall'oggi al domani, ho deciso di riprendere in mano il mio destino. Dopo aver viaggiato per il mondo da solo, ho deciso di attraversare l'Islanda a piedi da solo , da nord a sud e di farne un film . hanno cambiato radicalmente la mia vita. Oggi voglio condividere la mia storia per ispirare, spero, altre persone ".

Oltre a questo, avrai bisogno di saperne di più.

Oltre a questo, devi saperne di più.

Mathis aggiunge: "nel 2016 ho creato il mio canale YouTube Tortuga Videos , in cui pubblico i video delle mie avventure in giro per il mondo: Bolivia, Perù, Messico, Vietnam, Thailandia, Scozia, Turchia ... breve periodo di ritiro in un Monastero buddista, sono persino scivolato nei panni di un monaco nel sud-est asiatico. Quello che doveva essere solo un anno sabbatico alla fine dei miei studi, finalmente si è trasformato in un vero e proprio stile di vita.

Nel 2020 diventerò ufficialmente un Travel Influencer ".

Quando non è in giro per il mondo, Mathis pensa già al prossimo viaggio, ma è sempre alla ricerca di un senso da dare ad ogni sua partenza. Il suo viaggio in Islanda non è stata solo una semplice sfida personale, voleva realizzare un documentario per educare il grande pubblico su una causa per lui importante: il riscaldamento globale.

Credito fotografico: Mathis Behaegel

Credito fotografico: La Tortuga

Come mi spiega: “L'Islanda è un'isola nota per i suoi grandi ghiacciai che supportano diverse centrali idroelettriche, ma un giorno potrebbero purtroppo essere portati a scomparire. Secondo gli scienziati, uno dei ghiacciai più grandi d'Europa, chiamato Vatnajökull, non esisterà più tra 200 anni a causa dell'aumento delle temperature. Sarebbe un vero disastro per l'ambiente. Questa scomparsa avrebbe preannunciato profondi cambiamenti nelle condizioni meteorologiche, fiumi, flora e fauna, attività vulcanica e massa terrestre dell'isola. Sede di diversi vulcani attivi, lo scioglimento del ghiacciaio più grande d'Europa, come altri ghiacciai altrove, rilascerà la pressione precedentemente esercitata sulla roccia. I vulcani scoppieranno quindi più spesso, causando Jökulhlaup, vale a dire il brutale svuotamento dei laghi glaciali che devastano tutto sul loro cammino. Ciò avrà anche decise ripercussioni sull'ecosistema e su tutta l'attività mondiale con in particolare il blocco del traffico aereo, come abbiamo potuto vedere nel 2010, con l'eruzione dell'ormai famosissimo vulcano Eyjafjallajokull. Per allertare l'opinione pubblica, ho quindi attraversato l'Islanda a piedi dall'estremo nord all'estremo sud e ho percorso più di 350 km da solo.Il problema con l'Islanda è il turismo di massa che si sta radunando nei luoghi turistici situati in tutta l'isola. Il modo migliore per me per vivere appieno questa avventura è stato camminare dove nessuno passava: cioè attraverso il centro dell'isola dove nessuno vive a causa delle condizioni estreme.Quasi nulla cresce lì e nulla vive tranne gli sciami di mosche che mi hanno seguito per tutto il giorno, attirati dal calore del mio corpo. Percorrere gli "altipiani" L'Islanda è essere sulla Terra milioni di anni fa. Il sentiero, non segnato, che ho preso è stato attraverso il cuore veramente selvaggio dell'isola dove il tempo può essere molto caotico, nonostante la mia partenza a metà luglio. Il clima dell'Islanda è imprevedibile, estate e inverno. Ho dovuto affrontare forti venti, attraversare guadi con acqua gelata e forte corrente In questa avventura ho voluto mostrare, lontano dai sentieri battuti, la natura allo stato puro, la bellezza, la forza ma anche la fragilità di questa "terra di ghiaccio e fuoco". Per ovvi motivi di sicurezza, sono stato monitorato a distanza dal mio team di produzione e assistenza nell'auto 4x4. Per questo ho deciso di compensare l'impronta di carbonio di tutti i nostri viaggi con l' associazione My Climate , grazie alla quale abbiamo potuto calcolare il nostro impatto sul clima durante i nostri trasporti e offrire una somma di denaro equivalente a limitarla, che può essere utilizzato, ad esempio, per investire in pannelli solari. "

Credito fotografico: Mathis Behaegel

Ma non fraintendermi. Essere un avventuriero non è facile, né alla portata di tutti.

 

Mathis ci tiene a precisare: " Sono appassionato di viaggi e avventure ... ma sono pur sempre un dilettante! Partire all'avventura non si fa per capriccio, può presentare molti rischi. Per questo mi preparo bene in anticipo. Prima di tutto dovevo circondarmi bene: ho cercato e contattato persone che avevano già fatto questo viaggio, in modo che potessero portarmi il loro aiuto. poi ho comprato le mappe dell'Islanda e scaricato un percorso che era stato disegnato da un avventuriero che aveva già fatto questo percorso, che ho adattato in base a mappe recenti e che ho inserito sul mio GPS. Ho anche avvertito i servizi di soccorso in loco, condividendo il mio itinerario dettagliato sul sito safetravel.is . Quindi non solo hai per fare esperienza per essere pronto nel grande giorno, fisicamente e mentalmente, ma devi anche svolgere alcune operazioni amministrative e soprattutto, acquistare un'attrezzatura adeguata che regge strada. Il clima islandese richiede attrezzature resistenti alle intemperie: un buon piumino che protegga dal freddo, un telo ermetico, una tenda che resista ai venti estremi. Per poter acquisire tutta questa attrezzatura, mi sono quindi registrato sulla piattaforma di crowdfunding Globe Dreamers. "

 

Tutto questo, Mathis ve lo spiegherà nel suo blog di viaggio Tortuga Videos per farvi dei veri esploratori. Allora andiamo le mie tartarughe :-)

Maggiori info su :

youtube , instagram , facebook, tiktok, t witter

Diventa un partner - Tortuga (tortugavideos.fr)

Le sue avventure passate :

2.020 :

- attraversando a piedi l'alta traversata di Belledonne,

- tour del Monte Bianco,

- Sentiero Stevenson con un asino,

- road-trip in Israele, Palestina, Giordania,

2.019   :

- escursioni nelle montagne Datça in Turchia,

- traversata a piedi dal nord al sud dell'Islanda,

- road trip in Scozia,

2.018   :

- road-trip in Turchia (sud-ovest), Thailandia (nord),

- immersione nel monastero buddista Wat Pa Tam Wua,

- road trip in Perù, Bolivia

Per concludere, la citazione di Paul-Émile Victor è un buon esempio dell'approccio di Mathis Behaegel :

 

"Vivere è svegliarsi di notte impazienti per il giorno a venire, meravigliarsi che il miracolo quotidiano ci accada ancora una volta, avere notti insonni di gioia".

 

Paul-Émile Victor (28 giugno 1907 - 7 marzo 1995) è un esploratore polare, scienziato, etnologo e scrittore francese. "

Buen camino :-)

Lionel di Compostela

( instagram , facebook , twitter , youtube , pinterest )

Credito fotografico: Mathis Behaegel

SEZIONE IN COSTRUZIONE

A BREVE NUOVI ARTICOLI,  ISCRIVITI CLICCANDO SUL LOGO