Percorri 6000 km lungo il Nilo fino a
la buona causa

Questa è l'incredibile sfida lanciata da Claude Cazes, un giovane esploratore di 39 anni dal cuore grande che vive la sua vita come un'avventura.  

 

Fin da piccolo, Claude si è lasciato trasportare dal suo irresistibile desiderio di scoprire il mondo e superare i propri limiti.

 

Quando aveva solo 19 anni, fece il suo primo viaggio iniziatico in Cina per perfezionarsi nella pratica del Kung fu, come mi spiegò proprio all'inizio della nostra intervista: “infatti non facevo kung fu. molto lontano da casa, vicino a Béziers. Poiché il fratello del maestro che mi ha insegnato le arti marziali viveva a Shanghai, mi ha chiamato per partecipare a un torneo! Senza esitare un solo secondo, ci sono andato quando ero ancora solo un principiante. All'epoca, anche se non ero andato molto lontano nella competizione, non mi ero tirato indietro. Quando ho un'idea in testa, agisco, non penso più. Voglio arrivare alla fine delle cose e soprattutto non avere rimpianti dopo. dovevo andare in Cina. Era ovvio per me. Rimasi lì comunque per tre settimane. Il fatto di andare oltre i confini geografici e le mie barriere psicologiche era già una prima vittoria. È stata comunque una grande esperienza di superamento di se stessi. "

Pochi anni dopo il suo viaggio in Cina, Claude fa il suo ritorno nel continente asiatico, ancora guidato dai suoi sogni e dalla sua passione per lo sport. Questa volta è andato in Thailandia per imparare la boxe thailandese. Come mi racconta: “È uno sport che mi ha sempre attratto, attraverso i tanti film che vedevo da bambino. Il film "Kickboxer" di Jean-Claude Van Damme, girato in Thailandia, mi ha ispirato molto ed è stato proprio in quel momento che ho deciso di fare thai boxe".

 

Claude doveva partire solo per sei mesi, ma finì per rimanerci per quasi due anni, con molti viaggi avanti e indietro in Francia per visitare la sua famiglia ogni volta che ne aveva la possibilità. Claude ricorda quella volta: “Ero in un campo di addestramento a Chiang Mai, nel nord del Paese. Nel tempo, il mio allenatore ha visto in me un vero potenziale. Si offrì quindi di combattere. Ecco, non sto scherzando. È essenzialmente competizione professionale e nella loro pratica non ci sono dispositivi di protezione come in Francia! "  

Attraverso questa seconda significativa esperienza, Claude ha potuto visitare sei paesi della Thailandia e si è recato anche negli Stati Uniti per seguire una formazione specifica.

Successivamente ha viaggiato molto di nuovo, quando si è arruolato nella Marina francese o anche quando era tecnico su piattaforme petrolifere offshore e onshore, in particolare in Africa occidentale.

 

Poi si è unito alla Legione Straniera come dragamine esplosivo per 3 anni per missioni in Guyana e Costa d'Avorio. Claude mi descrive questo momento importante della sua carriera: “  È stata una bellissima scuola di vita, mi ha insegnato molto su me stessa.  La Legione è qualcosa che volevo fare quando ero giovane. Quando avevo 12 anni, mentre sedevo in un bar con i miei cugini, molto più grandi e più grandi di me, c'era un gruppo di legionari. Quando li ho visti con il loro outfit impeccabile, avevano una tale aura, un tale carisma, che mi ha segnato profondamente. Ricordo di aver guardato mio cugino dicendo:  "un giorno anch'io sarò legionario". Un maresciallo posto proprio accanto a me mi guardò e disse: "Vorrei proprio che tu non entrassi mai nella Legione, perché il giorno in cui entrerai significherà che non avrai più famiglia". Dall'inizio dei miei dodici anni, non avevo smontato e gli avevo risposto tac o tac: "Andrò comunque!" Quindici anni dopo era fatto. "

Claude si è adattato facilmente a questo nuovo ambiente militare, mi assicura durante la nostra discussione: “per quasi due anni in Thailandia mi sono allenato duramente sei ore al giorno, sei volte alla settimana. Ero in condizioni fisiche estreme. Ero molto acuto come si dice. Quindi, quando sono arrivato alla Legione, ero pronto, sia fisicamente che psicologicamente. Sono arrivato primo anche nelle classi della Legione Straniera, davanti a ben 60 nazionalità. "

È grazie alle sue prime esperienze giovanili, che negli anni, Claude ha saputo scolpire una mente combattente e forgiare una volontà infallibile. Quello che ho capito ascoltando il racconto della sua storia è che non si diventa avventurieri, si nasce avventurieri .

Eppure, per vivere i suoi sogni, Claude ha dovuto fare molti sacrifici e superare molti ostacoli per raggiungere i suoi obiettivi oggi e realizzare i suoi primi progetti di spedizione su larga scala.

 

Claude ha la testa piena di sfide. La più recente: una marcia di diverse migliaia di chilometri lungo il Nilo fino all'Egitto per portare medicinali alle popolazioni locali.

Crédit photo : Claude Cazes

Crédit photo : Claude Cazes

Claude ha iniziato il suo viaggio attraverso l'Africa orientale il 30 marzo 2021, direttamente alle sorgenti del Nilo in Burundi, poi ha attraversato a piedi da solo e in semi-autonomia per più di quattro mesi, altri 5 paesi, Tanzania, Uganda, Sud Sudan , Sudan e infine Egitto. Mi descrive brevemente il suo itinerario: “Nel Burundi settentrionale, sono passato lungo il fiume Kagera, che fa da confine con la Tanzania, per poi arrivare al Lago Vittoria, che è stata la mia prima grande e bella destinazione in Tanzania. . Poi mi sono diretto verso il Lago Albert al Nilo Bianco…”

Tanti paesaggi e animali tanto meravigliosi quanto ostili, con i quali ha dovuto convivere e che hanno senza dubbio complicato il suo viaggio in tante occasioni. Durante la nostra discussione, Claude mi ha raccontato come si è preparato per tutte le sue prove: “E' un progetto che ha richiesto molta preparazione. Per prima cosa ho cercato di identificare i principali rischi. Li ho elencati su un quaderno, punto per punto. Il primo rischio, e non ultimo, è l'aspetto umano, con conflitti geopolitici, soprattutto in Uganda in preda a tante violenze e in Sudan esposto a lotte interetniche. Ci sono zone pericolose da evitare assolutamente, da qui la necessità di essere segnalati dalle guide una volta lì. Le ONG sono parte integrante dell'avventura.  Senza di loro non sarei riuscito nella mia spedizione e non sarei riuscito a stabilire una via che regge. Mi hanno mostrato dove potevo andare in sicurezza. Ho dovuto anche stabilire molti contatti per raccogliere quante più informazioni possibili sulle situazioni dei paesi attraversati (Burundi, Tanzania...), sui tipi di animali incontrati, anche sul clima per sapere quando sarebbe stato il momento .ideale per andare. La ONG che ha dato il via a tutto e mi ha messo in contatto con gli altri si chiama “ À reach de mains ”. È stato creato nel 2010 da una coppia francese, Nicolas Travaillé e Delphine Jauseau, che lavorano da diversi anni per informare, strutturare e sensibilizzare i giovani del Burundi sulla loro capacità di sviluppare progetti nel loro territorio. Grazie al loro prezioso aiuto, le 6 ONG situate sul mio cammino hanno ricevuto ciascuna, in modo simbolico ma significativo, una parte dei farmaci che avevo potuto recuperare dalla Francia. Ma alla fine, il mio aiuto principale è stato finanziario, grazie a una raccolta fondi aperta e ridistribuita alle ONG per sviluppare le proprie azioni e in modo che possano anche acquistare farmaci che costano molto meno nei loro paesi rispetto a quelli che ho portato loro. . Il principio è portare i farmaci alle ONG che poi li danno alle cliniche e agli ospedali con cui lavorano. Non riuscivo a vedermi dare i farmaci direttamente alle persone che incontravamo per strada, perché non potevo valutare il loro stato di salute o la loro malattia non essendo un medico. "

 

Grazie ai suoi soci, Claude ha permesso la distribuzione di medicinali contro la malaria, la diarrea, le febbri ricorrenti e gli antibiotici per aiutare la popolazione locale che ha un disperato bisogno di cure mediche.

 

Mi spiega le ragioni del suo approccio umanitario: “Non potevo semplicemente intraprendere un'avventura egoisticamente, senza cercare di fornire loro aiuto, sapendo che probabilmente stavo andando a stretto contatto con la popolazione locale e dormivo con gli abitanti. Quindi volevo poter dare loro qualcosa di concreto e utile in cambio. "

Crédit photo : Claude Cazes

Claude Cazes non ha tardato a contattare uno dei suoi primi partner chiave nel successo di questa avventura, Laurent Gamez, che gestisce la farmacia Sarda a Béziers. Mi racconta come è stato stabilito il primo contatto: “Quando gli ho parlato del progetto, mi ha assicurato che potevo contare su di lui per la distribuzione della droga. Per ovvie ragioni di sicurezza, sapendo di poter essere un bersaglio in alcuni paesi a rischio, ho deciso di non trasportare io stesso i farmaci, poiché rimangono rari e preziosi in Africa. Il mio amico farmacista mi ha aiutato con la logistica. Molto rapidamente, ho potuto contare anche sui membri della ONG  "A portata di mano", che si è offerto di occuparsi di tutta la parte amministrativa. Mi hanno aiutato in particolare con i biglietti d'ingresso, i visti, ecc... Il budget provvisorio per garantire l'intera organizzazione della spedizione era di circa 20.000 € senza le spese relative ai farmaci. Sui social abbiamo lanciato un appello per le donazioni. Parte dei fondi sarà devoluta all'ONG "A reach de mains". Ciò li aiuterà a sviluppare progetti educativi e di integrazione e contribuirà a migliorare le condizioni di vita delle popolazioni vulnerabili. Ciò che mi ha motivato in un primo momento a svolgere la mia missione è stato poter fare luce su questi paesi africani bisognosi, non dobbiamo dimenticarli, dobbiamo aiutarli ancora e ancora, perché "a volte non hanno un rubinetto per ottenere acqua, non hanno una farmacia nelle vicinanze, la maggior parte di loro non ha un interruttore come noi per premere per l'elettricità. La mia traversata dell'Africa orientale in quasi completa autonomia è una sfida fisica, ma per me è anche un modo di parlare della situazione in Africa che mi sta a cuore e che resta la grande dimenticata del nostro pianeta. Il mio messaggio è rivolto alle generazioni future e a tutte le persone che vogliono fare qualcosa di buono nella loro vita: quando ci credi e ci metti tutte le tue forze, inevitabilmente ci arrivi . Questo è quello che ho cercato di dimostrare andando fino alla fine della mia avventura nonostante le tante insidie incontrate lungo il percorso. "

 

Durante il suo viaggio in Africa, Claude Cazes scampò così due volte alla morte. La prima a seguito di un'intossicazione che lo ha portato direttamente in ospedale, l'altra a causa di un agguato teso da banditi armati nel sud del Sudan, mentre percorreva l'unica strada tra Nemule e Juba.  

 

Queste due disavventure non furono le uniche difficoltà che incontrò. Ha dovuto fare diverse inversioni a U per evitare situazioni pericolose, per prendere il volo perché le frontiere terrestri erano chiuse. È stato anche costretto a chiamare i suoi soci finanziari, perché gli sono stati rubati i soldi durante il sonno quando si era addormentato per la stanchezza oppure è stato costretto a chiamare l'ambasciata francese al suo arrivo in Egitto, perché trattenuto suo malgrado da le autorità locali per 15 giorni per "verifica amministrativa".

Oltre a tutte queste difficoltà, Claude si è trovato di fronte a un ambiente spesso ostile dovendo affrontare molte specie animali che vivono in queste regioni come gorilla, leoni, leopardi, ippopotami... Durante la nostra discussione, mi dice di più sulla sua conoscenza di questi ambienti naturali: “Ho studiato a lungo su internet i diversi tipi di terreno attraversati, siano essi montuosi, o in atmosfera più tropicale nella giungla. Sapevo che ci sarebbero state precauzioni da prendere con alcuni animali come gli ippopotami, ad esempio, che possono essere molto aggressivi se non stiamo attenti. Di tutti gli animali, secondo me, sono tra i più pericolosi. L'ippopotamo vive in gruppo e quando ci si avvicina troppo diventa molto aggressivo e istintivamente carica l'umano. In Uganda, per risalire il fiume Kagera, avrei potuto incontrare gorilla, leopardi, giaguari… C'erano anche serpenti, scorpioni e ovviamente coccodrilli sulle rive del Nilo. In questo ambiente selvaggio, non c'è spazio per gli errori. Oltre al clima tropicale complicato da gestire, ho dovuto camminare nella savana, ma anche nelle paludi. Per evitare di aggirarli e allungare la strada, a volte dovevo attraversarli. Per fortuna avevo previsto dei calzini anti-sanguisuga. Un'infezione avrebbe potuto mettere fine alla mia spedizione molto rapidamente. Le condizioni climatiche ei rilievi geografici erano quindi talvolta difficili da sopportare fisicamente. "

 

Su quest'ultimo punto Claude mi ha raccontato di più sulle condizioni del suo allenamento: “fisicamente lo stavo già seguendo  una preparazione molto rigorosa e intensa, perché mi preparavo a camminare in Groenlandia prima di intraprendere la traversata dell'Antartide, progetto inizialmente previsto per il 2021 che ho dovuto rimandare al 2022 a causa della pandemia di coronavirus e della chiusura delle frontiere. Per fortuna di natura lungimirante, avevo prestabilito i 5 anni di spedizioni a venire. Per questa nuova avventura in Africa ho potuto quindi contare sul mio programma di allenamento quotidiano. Come un vero atleta, ho cercato di abituare il mio corpo a sforzi estremi. Per farlo ho utilizzato una maschera che simula la respirazione ad un'altitudine di oltre 4.000 m, ma anche un giubbotto zavorrato e a volte anche una slitta da trainare. Per familiarizzare con le temperature del Polo Sud, facevo regolarmente la doccia con acqua fredda o durante le sessioni di crioterapia, mi immergevo a volte in un bagno di ghiaccio, come fa l'olandese Wim Hof soprannominato "l'"uomo di ghiaccio" (Iceman ) che detiene record di resistenza in condizioni di freddo estremo, che ho cercato di battere a mia volta.

Crédit photo : Claude Cazes

Tutte queste pratiche ed esercizi mi hanno permesso di progredire molto rapidamente. Le mie giornate sono state scandite da gare di corsa (due volte al giorno con una media di 30 km percorsi giornalmente) trainando carichi da 10 a 50 kg circa, simili al peso che avrei dovuto trainare durante la mia spedizione in Antartide. Oggi corro i 10 km in 36 minuti, mentre qualche anno fa li facevo in poco meno di un'ora. Attraverso il duro lavoro e la perseveranza, ho acquisito forza, resistenza e capacità respiratoria. Ho anche lavorato sul mio orologio interno, in modo da poter recuperare più velocemente durante periodi di sonno abbastanza brevi. Per la respirazione, mi sono interessata alla meditazione e all'apnea, seguendo i consigli della specialista mondiale, Valrassienne Brigitte Banégas. Ho quindi interrogato diversi uomini di ferro sul loro metodo di allenamento. Ho anche raccolto i saggi consigli di tre esperti esploratori: Rémi Camus, Loury Lag e Alban Michon. Tutti e tre sono stati così gentili da permettermi di chiamarli per avere un feedback sulle loro rispettive esperienze di pesca, caccia e raccolta in modo che potessi riuscire da solo a nutrirmi all'aperto. Mi hanno consigliato di avere diversi giorni o anche una settimana di cibo nello zaino, liofilizzato o meno, per garantire i giorni in cui non c'è niente da mangiare. Quindi non ho fatto questa spedizione in totale autonomia, anche se ho potuto mettere in pratica i miei anni di esperienza in materia di sopravvivenza all'interno della Legione Straniera. Quindi ho seguito i consigli degli altri. Ho preso una riserva di aiuti alimentari con un chilo di riso, un chilo di larve essiccate e un chilo di frutta secca. Per assicurarmi l'approvvigionamento idrico mi sono dotato di filtri per l'acqua, perché ho sempre avuto vicino un fiume con il Nilo.  Per riposare la sera, avevo un telone per fare un tetto. In alcuni luoghi dove l'atmosfera era tropicale, ho usato invece un'amaca per alzarmi il più in alto possibile, in modo da evitare certi animali a 4 zampe e crawler. Nel complesso con tutto ciò di cui avevo bisogno, sono partito con un carico di 30 chili che trasportavo grazie ad un carrello da trekking, una specie di zaino attaccato ad una struttura in alluminio con ruote e maniglie in alto per essere agganciato al fianco con un'imbracatura. Mi ero prefissato l'obiettivo di percorrere ogni giorno poco più di trenta chilometri per 180 giorni. "

Crédit photo : Claude Cazes

 

Il suo viaggio in Antartide si preannuncia segnato da difficoltà, a cominciare dal peso elevato della pulka, questa slitta norvegese da 150 chili che conterrà tutto il necessario per la sua sopravvivenza e che dovrà trascinare per tutto il viaggio. L'ossigenazione è anche uno dei grossi problemi per questo tipo di spedizione effettuata al freddo polare, perché Claude evolverà in media a 2000 metri di altitudine. Dovrà anche evitare i crepacci, uno dei maggiori rischi del continente polare.

 

Ma per Claude nulla è impossibile, è quello che aveva in mente sin da quando era bambino . Mi ha chiarito il suo pensiero: “questo gusto per le sfide è nato in me dopo la scomparsa di mio padre, che è partito troppo presto: ho dovuto badare a me stesso in tenera età. Avrei potuto ribaltarmi dalla parte sbagliata, fare grandi sciocchezze, ma ho dimostrato a me stesso che nonostante le insidie incontrate lungo la strada, non mi arrenderò mai. Continuerò a credere in me stesso, in quello che sono e in quello che faccio...  Rimarrò un bambino grande per tutta la vita, mi sono sempre ascoltato. Non sono il tipo da dire a me stesso che sarebbe bello se lo facessi un giorno, ma piuttosto mi dico che sarebbe bello se lo facessi ora e quando arriverà quel momento faccio del mio meglio per farlo accadere. Mi dico che sarebbe inutile rimandare quello che vogliamo fare oggi, perché non sappiamo cosa ci riserverà il domani. "

È vero, durante la sua ultima missione in riva al Nilo, Claude nonostante gli ostacoli sorti sulla sua strada, non si è arreso e ha continuato fino all'ultimo la sua missione per somministrare medicinali e condividere momenti di emozione con la gente del posto. I sorrisi dei bambini sono per lui, come mi dice, la più bella delle ricompense. Claude vorrebbe aggiungere durante la nostra intervista: “La mia principale forza trainante in tutte le mie avventure sono mia moglie ei miei figli. In tutte le mie spedizioni, mi dico che più velocemente vado avanti, più velocemente li rivedrò. Voglio che i miei figli siano orgogliosi del loro papà. Mia figlia di 9 anni e il mio bambino di 6 anni mi vedono come un po' un supereroe. L'altro giorno li ho sorpresi mentre si divertivano nella loro stanza e giocavano agli esploratori. Ho la fortuna di poter contare sull'immancabile sostegno della mia famiglia e questo mi dà un'incredibile forza aggiuntiva, anche se l'allontanamento dal mio partner è sempre difficile da sopportare.  Ci conosciamo da tanti anni, ci sosteniamo a vicenda per andare avanti insieme, assicurandoci di vivere ciò che ognuno di noi vuole vivere. C'è grande comprensione e rispetto da entrambe le parti. Per rassicurarla, avevo ancora un telefono satellitare con cui comunicare almeno una volta alla settimana per uno o due minuti ogni volta per dirle che andava tutto bene. "

 

Ascoltando la sua storia d'avventura, ho la sensazione che Claude Cazes abbia capito chi fosse e cosa volesse fare nella vita: mettere insieme la sua passione per l'avventura, la sua voglia di superare sempre se stesso e soddisfare il suo bisogno di aiutare gli altri sembra essere il suo missione sulla terra.

 

Oltre alla sfida fisica e personale, Claude Cazes desidera anche difendere la causa animale. Attraverso questa nuova avventura, ha deciso di sostenere associazioni per la protezione della natura che sono importanti per lui, come " Anymal ", portata e creata dal comico di Montpellier Rémi Gaillard. La sua vocazione è quella di difendere e proteggere gli animali abbandonati (a fine vita, provenienti da circhi o zoo...) offrendo loro spazi di libertà e preservando così il loro benessere.  

Combattendo per la causa animale, Claude Cazes sa benissimo che chiuderà le porte, come mi spiega: “certi marchi non possono comunicare con me, perché non sono irreprensibili sulla questione del bene-essere animale. Dovresti sapere che l'attrezzatura appositamente progettata per le spedizioni polari è spesso realizzata con pellicce di animali, perché questo è ciò che è più efficace contro il freddo. Tuttavia, durante la mia spedizione, non accetterò di andarci con pellicce animali, che sarà per me un vincolo in più. "

 

Proprio nei suoi stivali, il cuore di Claude è grande quanto il suo coraggio. Non smette mai di superare i suoi limiti mettendo umilmente le sue vittorie al servizio di cause umanitarie. La sua ultima sfida è appena terminata, sta già pianificando la sua prossima avventura.

 

Puoi sostenere l'assemblea della spedizione e della sua associazione creata nel gennaio 2019 AVENTURE CLAUDE CAZES   oppure seguilo sui social cliccando sui link sottostanti:

Foto e video di Instagram  @claude.cazes 

account Facebook 

Oggi missione compiuta. Per percorrere questi 6.000 chilometri lungo il Nilo, Claude si è quindi preparato per più di 2 anni. I suoi vari test fisici e mentali gli hanno permesso di attraversare diverse fasi e di abituare il suo corpo agli sforzi nelle condizioni più estreme che presto incontrerà in Antartide. Claude Cazes vuole battere presto il record dell'americano Colin O'Brady percorrendo la sua stessa distanza, 1.500 km, ma questa volta in meno di 54 giorni. Mi ha raccontato di più della sua incredibile sfida: “all'inizio pensavo di fare un semplice viaggio turistico in Antartide, poi l'idea piano piano ha preso piede… mi sono detto e perché non fare una passeggiata? da solo, senza assistenza, in completo autonomia e nel massimo rispetto dell'ambiente. Intendo completare il viaggio trainando una slitta con un peso di circa 150 kg di attrezzature specializzate come: telefono satellitare, GPS, segnale di soccorso, slitta, abbigliamento specifico, cibo, kit di assistenza adattato ... Per dormire durante il mio viaggio, ho intenzione di 3 sacchi a pelo che impilerò, perché la temperatura media in questo paese è di -20°C. Il mio cibo sarà 100% biologico, composto solo da frutta secca e neve. Al di là della sfida fisica, voglio assistere al clima e ai suoi cambiamenti. Spero soprattutto di risvegliare le coscienze dei più scettici sui temi del riscaldamento globale e delle catastrofiche conseguenze ambientali per il nostro pianeta. Per rendere vincente questa grande avventura, il budget stimato è di circa 180.000 euro. Ad oggi, sto ancora cercando nuovi sponsor e mecenati per finanziare il progetto e rendere possibile la mia partenza.  Il solo costo del viaggio rappresenta gran parte delle spese. Dovrò andare in Argentina a prendere un aereo da sci che poi mi porterà nel continente meridionale”.

 

Per l'Antartide, oltre alla condizione fisica e alle risorse finanziarie, dovrà ottenere anche le autorizzazioni amministrative, generalmente riservate agli avventurieri abituati ai Circoli Polari. La prossima primavera, Claude Cazes effettuerà inizialmente una spedizione in Groenlandia di 500 km per raggiungere un primo livello. Questo è quello che ha fatto O'Brady prima di poter camminare sull'Antartide, come mi ha spiegato: “Antartide, se tutto va bene, ci sarò a novembre 2022, per beneficiare delle temperature più miti dovute all'estate australe ( -30 ° in media lo stesso). Come l'americano, partirò per lo sci di fondo dall'Union Glacier, verso il Polo Sud (900 km). Poi, ho intenzione di uscire dalle orme di Colin O'Brady: dopo il Polo Sud, quest'ultimo ha preso una strada segnalata, che secondo molti è contraria al principio del "senza assistenza". Da parte mia, una volta passato il Polo, continuerò fino a raggiungere i 1.500 km. "

 

Per battere il record di Colin O'Brady da solo e senza assistenza, Claude dovrà percorrere una media di 28-29 km al giorno, gestendo il freddo, la fame e la stanchezza. Il che lo porterebbe, in caso di successo, nel circolo molto ristretto degli esploratori estremi. La “traversata” dell'Antartide è sicuramente una delle più grandi sfide terrestri che ancora oggi deve affrontare l'uomo.

Chi è Claude Cazes?

Classe 1982, ex istruttore della Legione Straniera, Claude è un esploratore nel cuore. Dopo aver perso un genitore molto presto nella sua adolescenza, ha dovuto imparare tutto da solo. Nella sua vita e nei suoi vari progetti, il suo intuito e il suo cuore guidano sempre le sue scelte. Le sue numerose sfide gli hanno permesso di mettere alla prova i suoi limiti fisici e mentali e ora gli permettono di trasmettere la sua esperienza a convegni sulla motivazione e il superamento di se stessi, la coesione di gruppo o addirittura la sopravvivenza in un ambiente ostile. Avventuriero estremo, Claude ha intrapreso le sfide degli sport umanitari dal 2019 per aiutare a sensibilizzare la popolazione sulle cause ambientali e animali (gestione del progetto, sfide, sfide e spedizioni). 

Sfide sportive compiute :

2021 marzo / luglio:

 

La spedizione lungo il Nilo è di 6671 km in 6 mesi, dal Burundi alla sorgente del Nilo all'Egitto la sua foce per portare medicinali alla popolazione africana bisognosa attraverso le ONG locali e fornire loro supporto finanziario per aiutarli nelle loro azioni.

 

Dicembre 2020:

Ironman in solitaria di 4 km di nuoto, 180 km di ciclismo e 42 km di corsa per raccogliere fondi per le associazioni AIDA che sostengono bambini e ragazzi malati di cancro.


2020 ottobre:  

 

Tentativo di record mondiale in Namibia (42 km): camminare nel deserto della Namibia in ipossia senza mangiare né bere (con monitoraggio medico). Sono stati completati 33,8 km interrompendo il test a seguito di allucinazioni.


Settembre 2020:

 

Partecipazione allo spettacolo TF1 Ninja Warrior.


2020 gennaio:

 

Immersione totale in ghiaccio per 1h01min senza variazione della temperatura interna. (sfida supervisionata da un'equipe medica)

 

2019 ottobre:

 

24 ore di camminata su un tapis roulant al poligono di Béziers (4x6h con solo 15 min di pausa durante ogni sosta con una maschera che simula l'altitudine a 3657 m e un giubbotto zavorrato di 8 kg).

 

2019 settembre:  

 

24 ore su cyclette indoor (pedalata 4x6 ore con soli 15 minuti di pausa ad ogni sosta con maschera che simula l'altitudine a 3657 m).

Crédit photo : Philippe Sabathier

Crédit photo : Philippe Sabathier

Sfida in arrivo :

nel 2022  : ha battuto il record di traversata dell'Antartide detenuto dall'americano O'Brady, ovvero 1.500 km in meno di 54 giorni.

Per concludere, la citazione di André Gide illustra bene l'approccio di Claude Cazes:

"È solo attraverso l'avventura che alcune persone si conoscono".

Buon camino :-)

Lionello di Compostela

( instagram , facebook , twitter , youtube , pinterest )

SEZIONE IN COSTRUZIONE

A BREVE NUOVI ARTICOLI,  ISCRIVITI CLICCANDO SUL LOGO