Paolino, in cammino verso la vita e verso Compostela

A 33 anni, Pauline Wald si definisce oggi soprattutto una viaggiatrice dei Mondi, ma ha trascorso la prima parte della sua vita seguendo l'autostrada del successo.

 

Dopo una preparazione e una business school, ha iniziato a lavorare nel settore bancario a Parigi. Nonostante questa strada maestra che le prometteva una grande "carriera", dopo 3-4 anni si interrogava sul senso della sua vita. Come mi confida, sulla carta, aveva "tutto" per essere felice secondo i criteri della società benevola, ma in fondo aveva la sensazione di spegnersi lentamente.

 

Per ritrovare la sua fiamma interiore, nel 2013 decide di riprendere gli studi di psicologia a distanza, per poi prendersi un anno sabbatico per girare il mondo. Durante i suoi vari viaggi in India, Nuova Zelanda, Messico e Perù, è andata alla ricerca di risposte interrogando tutte le persone stimolanti che ha incontrato lungo il cammino, ponendo loro tutte le domande esistenziali ma essenziali che aveva già posto: "Come stare in salute? ", " Cos'è la felicità ? "," Quale messaggio lasceresti alla tua giovane te? ", " Qual è il senso della vita ? ".

 

Durante la nostra intervista, la prima domanda che a mia volta ho voluto fargli è qual è il suo sogno oggi? Prima di rispondermi, Pauline alza la testa in aria e poi mi risponde sorridendo: “questo è proprio quello che mi viene chiesto più spesso quando conduco una conferenza. Questo mi è stato chiesto in particolare durante l'ultima serata di proiezione del mio film "Percorsi di vita, in cammino verso il suo essenziale". lavoro ben retribuito, sposarsi, avere figli, acquistare immobili ecc... ⁣Avrei risposto in modo molto automatico, senza farmi troppe domande, ma con Guardando indietro, vedo chiaramente che questo sogno era venato di costruzione sociale . L'ho sognato, perché mi era stato insegnato che quella era la felicità, ma il mio "vero" sogno si nascondeva dentro di me, qualche strato più in profondità. ⁣Oggi vorrei dirti che il mio sogno è fare un altro documentario che esplori l'umano essere, scrivere un libro, avere una casa nella natura o diventare un terapeuta. Ma ancora pensandoci più profondamente, credo che il mio sogno sia quello di portare chi sono al mondo, nella libertà e nella gioia, qualunque cosa forma che assume. 'altrove, il lavoro, come un'opportunità per portare la nostra nota musicale nel mondo.

Credito fotografico: Pauline Wald

È divertente, attraverso la questione del sogno o del significato da dare alla sua vita, vedo il giovane "bambino paolino", che voleva avere buoni voti, essere uno dei "migliori studenti" della classe. Attraverso la tua domanda vedo anche il “giovane adulto paolino” che voleva guadagnare sempre più denaro e salire la scala della gerarchia, con questo forte desiderio di esistere e di essere amato. Per molto tempo ho dato alla scuola il mio potere a insegnanti e insegnanti, ai miei genitori, ai miei capi, amici, medici o terapisti... credevo che altre persone sapessero meglio di me cosa fare della mia vita. Ho ascoltato i loro consigli, mi sono sottomesso alla loro parola. In fondo, volevo che qualcuno decidesse per me. È molto più rassicurante che ci venga detto cosa fare. Poi ho capito che nessuna delle persone a cui avevo dato il mio potere aveva davvero delle risposte. Nessuna di queste persone sapeva cosa era bene per me meglio di me. Avevano idee basate sui propri filtri della realtà, sulle proprie paure, sulle proprie esperienze passate. Infine, erano come me, studenti di Vita, per provare, cadere, sbagliare e rialzarsi. Le persone che più mi hanno guidato mi hanno ispirato soprattutto per il loro modo di essere e non per i loro consigli. Quando l'ho capito, è stato un grande sollievo: se nessuno “sa” davvero, se nessuno ha risposte universali, allora posso essere il capitano della mia stessa nave. Così posso sperimentare la vita come ritengo opportuno. Così posso finalmente ascoltare me stesso. Forse questa è la vera libertà? "

 

All'alba del suo trentesimo compleanno, Pauline ha ascoltato la sua vocina e ha deciso di lasciare la sua stressante vita parigina. Nel 2017 ha iniziato a camminare da sola con lo zaino come unica casa, in direzione di Compostela, lasciando simbolicamente Strasburgo, la città dove è nata e dove è cresciuta. Durante i suoi 4 mesi di cammino attraverso Francia e Spagna, ha percorso a piedi circa 2.000 km.

 

Nel corso della nostra discussione, Pauline mi spiega perché è partita sulla strada per Saint-Jacques: “quando ho lasciato il lavoro per fare una passeggiata, mi è stato detto che avrei perso un quarto per la pensione. Ho risposto che stavo solo andando "in pensione". ⁣Nella parola "pensione", c'è "ritiro", è il fatto di ritirarsi dal mondo, dalla nostra quotidianità a volte routinaria e opprimente. Sono convinto che questi ritiri regolari siano necessari, per vivere meglio nel mondo, per tornarci più tardi con la mente molto più chiara. Intervistando i pellegrini sul Cammino di Santiago per il mio film, ho potuto vedere che molti di noi avevano questo bisogno di ritirarsi. La Via ci offre una bolla al riparo dal mondo che spesso va troppo veloce. ⁣Mi piace l'idea di concedermi del tempo per "ritiri" regolari per realizzare progetti, esperienze o viaggi a lungo termine, piuttosto che aspettare la mia vecchiaia per potermi davvero andare in pensione. Viaggio, non per scappare da me stesso ma per incontrarmi più profondamente. Quando cambio orizzonti, non vedo la vita allo stesso modo, sono più ispirato per la scrittura e respiro anche diversamente. Altre sfaccettature di me si rivelano e voglio andare a scoprirle. Incamminandomi sulla strada per Saint-Jacques, avevo bisogno di vivere alla giornata, di essere nella natura e di ritrovarmi in questa semplicità. Volevo scoprirmi un po' di più e sentirmi più libera. Ho deciso di fare il primo passo in questo percorso e di lasciarmi trasportare da ciò che mi farà scoprire e vivere. Non sapevo ancora dove mi avrebbe portato, ma volevo lasciar andare e lasciar andare la mia tendenza a voler pianificare e controllare tutto, per lasciare più spazio all'ignoto, seguendo la mia buona stella. Non voglio più scappare dai miei desideri, scappare da me stesso per “must” e “must”, accettando una situazione che non mi sviluppa pienamente, senza provare a sperimentare qualcos'altro che mi attrae e mi chiama. "

Pauline continua il nostro colloquio con le sue parole di saggezza: “Sono sempre in cammino. Quando vai avanti nella vita, a volte ci sono momenti in cui devi solo fare un passo davanti all'altro, senza fare domande. C'è solo una strada, è facile. ⁣Ci sono altri momenti in cui ci troviamo di fronte a diversi percorsi possibili. Ma non ci sono segni che indichino chiaramente dove portano. Possiamo ritrovarci paralizzati per mesi o addirittura anni in mezzo a questi crocevia della vita, in attesa di un segno più chiaro che ci indichi la giusta direzione. ⁣Scegliere un percorso significa rinunciare a tutti gli altri. Non scegliere un percorso è rinunciare alla propria vita. Quello che ho capito è che tutti questi percorsi, pur attraversando paesaggi molto diversi, portano alla stessa meta. Non importa quale percorso scegliamo, ciò che conta è che sperimenteremo di più chi siamo e forse questa è solo la strada da percorrere. A volte il Sentiero non ci dà quello che vogliamo. Ci dà ciò di cui abbiamo bisogno. Ho integrato questo principio comprendendo che il Sentiero sa esattamente ciò di cui ho più bisogno in ogni momento. Sto imparando ad avere infinita gratitudine per tutto ciò che mi è dato di sperimentare, con sempre meno resistenza. ⁣ Sto imparando ad essere più onesto con me stesso sui miei veri bisogni, dietro i condizionamenti della società. È il modo migliore per camminare sul Sentiero, con più leggerezza e gioia, mano nella mano con la Vita. ⁣Essere in continuo movimento e avere uno zaino solo per casa è anche per me un modo per far fronte all'incertezza permanente della vita, senza sapere in anticipo dove dormirò la notte, cosa troverò da mangiare, gli incontri che farò . In questa incertezza permanente, mi sento più vivo che mai, in ascolto di me stesso. Dall'inizio di questa avventura, avevo preso l'abitudine di lasciare il mio telefono in modalità aereo tutto il giorno e di riaccenderlo ogni sera. Mi ha aiutato enormemente a schiarirmi la mente e a trovare la pace. ⁣Ho iniziato a scrivere molto sul Cammino di Santiago, mentre scrivevo pochissimo nel quotidiano, nella "mia vita prima". Avevo anche una piccola telecamera per filmare e fare alcune interviste per il mio canale YouTube e la mia pagina facebook Pauline-Across the Worlds . "

Esatto Pauline, come ti è venuta l'idea di trasformare la tua avventura in un film?

 

“Questo progetto mi è letteralmente caduto addosso. Era scritto come si dice!!! All'inizio, è stato mentre camminavo sulla Via che ho avuto l'idea di realizzare questo film. Volevo capire cosa spinge qualcuno a lasciare la propria zona di comfort per fare una passeggiata così lunga. Stavo filmando senza pensare troppo in anticipo a quale uso mi sarebbero servite tutte queste immagini e quale forma avrebbero potuto assumere in seguito, ma quando un amico pellegrino incontrato in una tappa mi ha suggerito di filmarmi per alcuni giorni mentre camminavamo, a poco a poco poco, l'idea di fare un film ha guadagnato terreno. Quando sono tornato a casa, ho montato il mio film e l'ho offerto a un festival di viaggi, proprio così, con l'idea di condividere semplicemente questa grande avventura. Contro ogni aspettativa, il film è stato successivamente proiettato in molti festival di viaggio, cinema, persino una chiesa, ristoranti, ecc... Poi quando l'associazione " Passiamo all'atto "  suggerito di estendere la lunghezza del film e trasformarlo in DVD e VOD , ho nuovamente dubitato della mia capacità di farlo. "Da solo, non posso farlo", mi disse la mia dannata vocina. "Ma tu non sei solo, non sarai mai solo, lascia che il film sia", rispose l'altra mia voce interiore. Dall'inizio di questa avventura, l'aiuto di cui avevo bisogno è finalmente arrivato mentre procedevo. Non è stato tutto così liscio tutto il tempo, è vero, ho dovuto risolvere alcuni problemi tecnici, ma guardando indietro, andando avanti, ero convinto che l'aiuto che avevo mi servisse proprio adesso, non necessariamente quando pensavo Ne avevo più bisogno, ma al momento giusto, qualche passo dopo. È come camminare in un bosco oscuro, la luce si rivela continuando a camminare. Ho visto tutti questi pellegrini camminare per la propria strada, incontrare insidie, ma andare avanti comunque e finalmente incontrare grandi gioie il giorno dopo. Quando vedo l'emozione che suscita il mio film, quando ricevo i messaggi di ringraziamento e quando vedo anche la gioia che ho avuto per farlo, non mi pento di tutti questi sforzi per arrivarci. L'entusiasmo delle persone che hanno visto il film mi ha fatto venire voglia di creare una versione più lunga di un'ora e più completa, pubblicata in DVD e VOD . La mia intenzione è anche quella di dimostrare che possiamo partire da zero e fare un film che verrà proiettato nei cinema, nei festival e soprattutto che tocchi le persone. Questo film non avrebbe potuto vedere la luce senza l'intervento, l'aiuto di decine di persone: in primis le persone intervistate che hanno accettato di confidare con tanta autenticità sul loro Cammino, tutti quelli che mi hanno raccontato ispirati dalla loro generosità su il mio percorso, le persone che mi hanno aiutato con le riprese delle immagini, quelle che hanno portato i loro occhi al montaggio, quelle che mi hanno accompagnato nel mixaggio sonoro e nel color grading alla fine e che ora distribuiscono il film. Senza sentirmi così sostenuto, non sarei certo riuscito a trovare l'energia sufficiente per portare avanti questo progetto. Come per il Cammino, è spesso nei momenti in cui stavo praticamente per arrendermi che mi si è presentata una mano tesa. ⁣ Non so dove mi porterà questo film nei prossimi mesi, ma voglio davvero che accompagniamo lui e me in molti posti in tutta la Francia, per un tour di proiezione quando sarà di nuovo possibile nel 2021, spero. "

?

È tutto il bene che ti auguro Pauline. Consiglio questo film che parla di una generazione di pellegrini, pronti a mettere in discussione le proprie abitudini, ad aprirsi al mondo, all'ignoto e alla magia della vita.

Se vuoi organizzare una proiezione del film, non esitare a contattare Pauline che sarà lieta di organizzarla insieme a te. In genere offre una serata di un formato da 1:30 a 2 ore con:

- una conferenza di circa 15 minuti sui motivi per cui ha deciso di partire per percorrere il Sentiero e cosa le ha portato.

- seguito dalla proiezione del film in corso (della durata di 55 minuti)

- poi un periodo di confronto sotto forma di domande e risposte di circa 30-40 minuti con il pubblico.

Maggiori informazioni :

 

Su You tube : in 3 anni, Pauline ha pubblicato più di 50 video sui temi della felicità, della spiritualità, della legge di attrazione, dello sciamanesimo, dell'ayurveda ecc... ⁣

Sul suo account Instagram per vedere tutte le sue foto,

Sulla sua pagina facebook per seguire tutte le sue news e nuovi progetti,

Sul suo sito web : circa una volta al mese, Pauline invia una newsletter in cui condivide gli articoli del suo blog (sul Cammino di Santiago, il cammino interiore, il cammino verso se stessi), i video e le interviste del mese, gli eventi intorno il film, incorpora anche riflessioni spontanee.

Per chi desidera ricevere la sua newsletter, è qui per iscriversi:

http://acrosstheworlds.fr/newsletter

Perché stai camminando?

 

Cammino per avvicinarmi al mio Essential.

Cammino per lasciare che il suono dei miei passi copra il trambusto della mia mente. ?

Cammino perché credo che qualcos'altro mi aspetta. ?

Cammino per sentire la carezza del vento e l'odore della pioggia. ?

Cammino per lasciare che il movimento del mio corpo porti movimento alla mia mente⁣⁣ poi a poco a poco mi accorgo che sto camminando senza desiderio né meta, senza altra giustificazione che il piacere di camminare.

Cammino. ?

Non ci sono più pensieri. ?

Le parole sono troppe. ?

Forse era l'essenziale che cercavo.

Pauline Wald

Per estendere questo bel testo, finirò con una citazione di Jean de la Bruyère:

"Non c'è cammino troppo lungo per chi cammina piano e senza fretta"

buoni progressi

Lionello di Compostela

instagram , facebook , twitter , youtube , pinterest ,

compostelle-autrement.com

SEZIONE IN COSTRUZIONE

A BREVE NUOVI ARTICOLI,  ISCRIVITI CLICCANDO SUL LOGO