Un giorno ti verrà senza dubbio chiesto perché vuoi camminare sui sentieri di Santiago.

Le motivazioni sono molto diverse e variegate da persona a persona: desiderio di libertà, avventura, scoperta, per riprendere il controllo della propria vita ecc ... ma spesso è difficile dire nel momento preciso in cui il ti viene posta questa domanda fondamentale, perché alla fine hai deciso di prendere i bastoni del tuo pellegrino.

 

Percorrere i sentieri di Santiago, a mio avviso, non è solo una semplice escursione, è un vero e proprio viaggio iniziatico, un'avventura interiore che ci trasforma poco a poco, alla scoperta di una versione migliore di noi stessi .

Più che un'escursione, è un viaggio verso se stessi che va ben oltre la meta che inizialmente ci eravamo prefissati. Percorrere le strade di Saint-Jacques è un lungo apprendistato, è una formazione continua, come sono abituato a dire, che per alcuni dura tutta la vita.

La strada per Compostela non si limita quindi al semplice fatto di camminare dal punto A al punto B. Inizia ben prima della partenza e prosegue ben dopo l'arrivo. Dopo un certo tempo la strada resta ancorata in te: noi non la seguiamo, è lui che ci segue, non lo facciamo, è lui che ci fa non dopo passo.

 

È anche il punto di vista dell'esploratore francese Théodore Monod che ha affermato che “il viaggio è un insegnante lento !! ". Si dice così bene, ma molto più che un insegnamento, il Cammino di Santiago è una vera terapia, che si può descrivere qui come un insieme di processi di trasformazione personale e di idee chiave che si articolano l'un l'altro per un essere migliore. È un metodo curativo o preventivo che rimane un mezzo come un altro per sviluppare la propria umanità e la propria autostima.

 

Quindi, come può esattamente il Cammino de Santiago aiutarci individualmente ad andare ancora più in alto e oltre?

 

Molti specialisti concordano sul fatto che il viaggio abbia virtù terapeutiche, soprattutto per la mente. Ti permettono di sfuggire alla seccatura della vita quotidiana, di fare una pausa nella tua vita e di ricaricare le batterie.

 

Queste fughe ci permettono di sentirci molto vivi nel momento presente, qui e ora.

 

Anche l'escursionismo itinerante a lungo raggio sembra riempire i diversi livelli della piramide dei bisogni umani di base, descritta negli anni Quaranta dallo psicologo Abraham Maslow.

 

Nella sua teoria sulla motivazione, distingue 4 tipi principali di bisogni da soddisfare:

  • un bisogno di autorealizzazione,

  • dell'autostima e degli altri,

  • appartenere a un gruppo e cercare l'approvazione dell'altro,

  • per essere al sicuro in un ambiente stabile senza provare stress o noia,

  • o anche un bisogno fisiologico (mangiare, bere, dormire, ecc.).

 

La maggior parte delle persone che si imbarcano sulla strada per Santiago de Compostela dovrebbero essere tutte in grado di soddisfare queste esigenze di base.

 

La Santiago-Therapy, chiamata anche Camino-Therapy, ha molti benefici per la salute fisica e morale.

1- è prima di tutto una liberazione

Grazie a lunghe passeggiate, l'individuo può rilassarsi sia fisicamente che mentalmente e liberarsi così dalle proprie preoccupazioni per il momento di una settimana, un mese o due per i fortunati. È vero, la strada per Compostela ha un carattere liberatorio.

La nozione di libertà è da legare a una ricerca di identità, perché accedere a una certa libertà è anche imparare a conoscere se stessi, come ben diceva il filosofo Socrate.

 

A volte, senza rendercene conto, siamo come imprigionati nelle nostre abitudini (o “habitus” per usare una nozione ben nota al sociologo Pierre Bourdieu). Siamo tutti più o meno condizionati dalla nostra educazione o dalle nostre rappresentazioni sociali: facciamo meccanicamente "come ci è stato detto di fare", senza rendercene conto, riproduciamo ciò che fa il nostro vicino e finalmente non siamo più veramente liberi di i nostri pensieri, per fare ciò che vogliamo in relazione a ciò che siamo veramente, nel profondo del nostro essere. Il Cammino di Santiago, spingendo i limiti di ciò che è possibile ogni giorno, ci permette di rivelare ciò di cui siamo capaci di fronte a una sfida fisica, per vedere fino a che punto possiamo spingerci, quali sono i nostri limiti mentali.

 

È una grande opportunità per imparare e crescere da soli. Per raggiungere questo obiettivo sarà quindi necessario non solo accettare la via dello smarrimento per ritrovarsi meglio, ma anche imparare a badare a se stessi in completa autonomia. Quando siamo con gli amici, potremmo tendere a fare affidamento l'uno sull'altro. Pertanto, potremmo non fare le cose che probabilmente avremmo potuto fare da soli. Quando siamo soli nel mezzo del nulla, ci sono buone possibilità che supereremo noi stessi. Siamo obbligati a reagire, quando ci troviamo di fronte a una situazione imprevista, senza l'aiuto o il giudizio degli altri.

Nella solitudine, c'è meno pressione e responsabilità verso le altre persone. È anche stando da soli che spesso ci incontriamo di più lungo la strada, cosa che non potremmo necessariamente fare se fossimo accompagnati. Il vantaggio di percorrere da soli il Cammino di Santiago sta quindi soprattutto nel fatto che non bisogna aspettarsi nulla dagli altri e che bisogna farsi carico di se stessi. È attraverso il test che riusciremo a capire dove si trovano i nostri limiti, a controllare meglio le nostre reazioni ed emozioni.

Dal mio punto di vista, l'autonomia è quindi una delle condizioni per una Terapia di Santiago di successo, altrimenti non saremo in grado di andare davvero avanti e superare noi stessi. Questa nuova autonomia potrebbe richiedere molto tempo per arrivare, ma con la pratica, lo sforzo e la perseveranza, alla fine sarà facile da raggiungere.

 

2- Si tratta quindi di lasciar andare

Camminare sul Cammino di Santiago è una buona opportunità per interrogarsi ed evolversi. In questa avventura ci sono tantissime opportunità per andare oltre i propri limiti, ma bisogna comunque conoscerle bene. Si tratterà di uscire dalla tua zona di comfort ogni giorno, fare cose che non hai mai fatto, incontrare persone che probabilmente non avresti mai incontrato.

 

Alla fine di ogni tappa la soddisfazione è grande e permette di rivalutarsi, di rafforzare la fiducia in se stessi e di lasciarsi trasportare meglio dalla provvidenza e dalla magia del cammino.

Camminare verso Santiago de Compostela implica quindi per tutti il ​​superamento di se stessi, ovvero provare ciò che fino ad allora credevamo impossibile: per alcuni corrisponde a una camminata giornaliera di 12-25 km, per altri Da 30 a 40 km. Indipendentemente dalla distanza, ciò che conta è la massima intensità di sforzo specifica per ogni persona. Per raggiungere questo limite critico non bisogna quindi aver paura del fallimento ed è probabilmente meglio non prenotare in anticipo un alloggio come me e non porsi obiettivi, semplicemente lasciandosi guidare. dai segni del destino.


È importante fare affidamento sul nostro intuito quotidiano e soprattutto ascoltare i messaggi che ci vengono inviati dal nostro corpo e dal nostro cuore. È il modo più sicuro per andare avanti, lentamente ma inesorabilmente.

Te lo dirà la maggior parte dei pellegrini arrivati ​​a Santiago de Compostela. Hanno capito che finalmente “il sentiero era la meta” e che bisognava soprattutto prendersi il tempo per percorrerlo, anche se significa fare qualche deviazione e sosta prima che finisca questa bella fuga.

Soprattutto, dovrai saper sfruttare il ritmo lento offerto dalle escursioni di lunga distanza. È urgente prendersi il nostro tempo e godersi i paesaggi circostanti, ma anche interessarsi a noi stessi attraverso la pratica dell'introspezione. È un'opportunità che ci viene offerta, lontano dalla vita frenetica e dal movimento perpetuo delle città, per goderci davvero la vita al nostro ritmo e soprattutto senza sentirci in colpa. Le escursioni di diversi giorni all'aria aperta sono preziosi momenti di consapevolezza che rimarranno per sempre impressi nella nostra memoria e nella nostra consapevolezza che nessuno potrà mai riportarci indietro. La nostra libertà è la nostra più grande ricchezza.

 

3- Si tratta infine di riconnettersi con la natura e con gli altri

Lo sviluppo di nuove tecnologie e reti sociali ha notevolmente contribuito a rafforzare l'isolamento di molti individui. La nostra società moderna induce nuove modalità di funzionamento e comportamento che talvolta portano a un significativo impoverimento dei legami sociali.

Alcune persone cercheranno di colmare questa solitudine (reale o sentita) e questa mancanza di contatto umano su base quotidiana attraverso il viaggio, altre andando a fare una passeggiata sulla strada per Santiago.

 

Al di là della semplice questione della socializzazione, si tratta soprattutto di incontrare l'altro, quello che è diverso da noi. A volte è confrontandoci con le diverse esperienze di vita degli altri, che possiamo avere una visione diversa della nostra situazione e prendere le distanze necessarie per rivalutarla in modo più favorevole.

 

Troviamo così nelle lunghe passeggiate un trattamento efficace contro l'egocentrismo e l'oscurità, perché è dimostrato che un malato si concentra molto più spesso sulla sua malattia che sul resto del mondo.

 

L'uomo può anche guarire efficacemente da alcune delle sue ferite riconnettendosi con la natura, sviluppando tutti i suoi sensi e riconoscendo alcuni piaceri della vita semplici ma essenziali: annusare la terra umida nella rugiada mattutina, osservare una semplice ragnatela ragno, un tramonto o una notte stellata, ascolta il canto degli uccelli o il suono delle foglie agitate dal soffio del vento ...

 

Camminare sul Cammino di Santiago può quindi essere facilmente paragonato alle pratiche di contemplazione o meditazione. La solitaria passeggiata fuori dai sentieri battuti permette di godere appieno del silenzio, disturbati solo dalla musica dei nostri passi e dalla natura circostante.

 

È quindi importante a mio avviso camminare con poca o nessuna connessione. Questo ci libera dalla pressione tecnologica che ci lega a tutti in ogni momento e risucchia tutta la nostra energia e il nostro tempo. Disconnettersi è anche riconciliarsi con i nostri elementi essenziali.

 

In conclusione: Santiago-Therapy un giorno, Santiago-Therapy, per sempre ...

La strada per Santiago de Compostela è un eterno inizio. È diventato per molte persone un rito terapeutico, un appuntamento annuale da non perdere per nulla al mondo.


Per alcuni, questo percorso si ripete all'infinito. Più che un rimedio, diventa per alcuni una vera e propria dipendenza, per coloro che potrebbero essere qualificati come "camino-dipendente".

 

Non è raro infatti vedere pellegrini percorrere più volte gli stessi percorsi di anno in anno per ritrovarvi questo stato di pienezza e di ritorno alla natura, quest'atmosfera fraterna e di condivisione che il non troviamo nient'altro.

Una partenza probabilmente non sarà sufficiente per il tuo conteggio personale.   È bene partire spesso per sentire sempre gli effetti benefici di questo viaggio. Come in ogni buona terapia, deve esserci un follow-up continuo e prolungato.

Se dovessi riassumere i motivi che ci spingono a tornare al Cammino di Santiago, direi semplicemente che non camminiamo sul Cammino di Santiago per sfuggire alla vita, ma perché la vita non ci sfugga.

 

È vero, il modo migliore è dimostrare a te stesso quanto sei libero, ma è utile ricordare che non c'è felicità senza libertà, né libertà senza coraggio. Dobbiamo essere pronti a rinunciare lungo la strada, la vita che è stata immaginata per te, per vivere la vita che ci aspetta qui e ora.

 

In questa ricerca infinita dell'altra sponda, la Terapia Santiago è una porta tra tante altre.

 

Condivido con voi sul mio sito web https://www.compostelle-autrement.com/ i miei vari pensieri durante le mie peregrinazioni.

 

Cliccando sui seguenti link, scoprirai quali sono le idee chiave della Terapia di Santiago: andare avanti , credere , trovare se stessi , incontrare l'ignoto , trovare la propria strada , vivere , essere felici , sognare , camminare , accontentarsi , camminare , imparare , superare se stessi , avventurarsi , affrontare, esplorare, tracciare, liberarsi, cercare, perseverare, progredire, abbandonare se stessi ecc ...

 

La terapia di Santiago funziona !!!

 

La strada per Santiago de Compostela è l'unico viaggio la cui spesa ti renderà più ricco.

 

Buen camino

Lionel de Compostelle

instagram, facebook, twitter, youtube, pinterest

Citations inspirantes, clip développement personnel