Vai alla conquista del West americano a piedi dal Messico al Canada, sul PCT che preferisci?

Questa è l'incredibile sfida che Julien Haass si è lanciato nel 2019 camminando in autonomia per 5 mesi dopo  Pacific Crest Trail , in breve  PCT  (Chemin des crêtes du Pacifique in francese).

Questo sentiero escursionistico di 4.240 km negli Stati Uniti occidentali inizia al confine con il Messico e termina al confine con il Canada.  Attraversa tre stati americani (California, Oregon e Stato di Washington) e spazi naturali molto vari che vanno dal deserto alle immense foreste, passando per le cime innevate della Sierra Nevada e per parchi nazionali molto belli come Yosemite o Crater Lake.. .. C'è da dire che il PCT è uno dei tre più grandi sentieri negli Stati Uniti. Ogni anno, circa 4.500 escursionisti tentano di percorrerla. Sono chiamati "thru-hikers". Alla fine, pochissimi arrivano a destinazione e generalmente impiegano dai 4 ai 6 mesi per completare tutte le fasi. La maggior parte degli escursionisti inizia al confine messicano e termina al confine canadese.  

 

Anche Julien Haass ha deciso di percorrere il PCT da sud a nord, facendolo interamente e solo a piedi. È la sua prima avventura di questo tipo, è il suo primo thru-hike, come si dice lì (escursione di lunga distanza in francese). Appassionato della natura da molto tempo, Julien aveva già avuto una buona esperienza di camminare, ma mai su un percorso così lungo. È del tutto eccezionale poter seguire un percorso del genere con pochissima strada e la possibilità di dormire in mezzo alla natura.

Carta Julien Haass

Credito fotografico: Julien Haass

Il periodo migliore per percorrere il sentiero da sud a nord è la fine di aprile per terminare intorno alla fine di settembre, evitando così il caldo torrido estivo della California meridionale e soprattutto l'inizio dell'inverno nel nord-ovest americano. Il problema è che su queste montagne il tempo rimane imprevedibile e che si può cadere, come Julien, in un anno con la neve. La sua partenza è stata piuttosto complicata soprattutto nella parte della California centrale nella Sierra. Viste le condizioni estreme ed eccezionali del mese di giugno, molte persone hanno preferito fare il giro delle vette, ma non Julien. Ha deciso con un piccolo gruppo di escursionisti di avventurarsi lì comunque, nonostante i sentieri innevati incontaminati senza traccia di orientarsi, con molti fiumi in piena. Decise di lasciarsi trasportare dal suo intuito. Senza essere un purista, non voleva deviare da ciò che aveva pianificato nel suo programma. Il suo obiettivo era camminare dal Messico al Canada e il suo progetto era essenzialmente limitato a camminare. Sapeva che se avesse iniziato ad andare avanti in un altro modo o cancellare parti della via qua o là in caso di difficoltà, allora sarebbe stato difficile per lui resistere in seguito quando la sua mente era tesa.

Ma prima che potesse partire ha dovuto affrontare alcune difficoltà amministrative. Va innanzitutto ricordato che per vivere 6 mesi negli Stati Uniti occorre un visto e per dormire nei parchi nazionali occorre anche ottenere un permesso. Queste autorizzazioni distillate a goccia vengono rilasciate dall'associazione Pacific Crest Trail una volta all'anno, con un'estrazione a novembre e gennaio. Bisogna poi trovare la finestra meteo giusta in termini di date, il momento giusto per fare la spedizione per evitare di non avere troppa neve in certi luoghi e passaggi tecnici. Nel primo sorteggio nel novembre 2018, era 3300esimo in lista d'attesa. Di conseguenza, non è stato in grado di ottenere la data di partenza inizialmente prevista. Tuttavia, la fortuna è cambiata durante la sessione di gennaio. Questa volta è stato sorteggiato al 22° posto che ha fissato l'inizio della sua avventura il 7 aprile 2019. Poi, non doveva fare altro che recarsi in ambasciata per ottenere un visto per turismo dopo aver superato un colloquio. Doveva mostrare le sue reali motivazioni, dire perché voleva andare negli Stati Uniti e dimostrare che tornerà in Francia o comunque che lascerà il loro territorio dopo il viaggio. Poi ha avuto solo 3 mesi di preparazione prima della grande partenza. In effetti, non ha avuto proprio tempo per una buona preparazione fisica. Forse fare una corsa e qualche passeggiata avrebbe influito sul successo della sua spedizione, ma l'esperienza del trekking di lunga distanza non ha nulla a che vedere con il bivacco per qualche giorno. Ha dovuto adottare una filosofia completamente nuova. Ha deciso di prendere la sua avventura solo come un allenamento, ascoltando il suo corpo in un primo momento e prendendolo lentamente. La sua prima intenzione era di camminare gradualmente per i primi giorni, di sentire il suo corpo. Sapeva che questa esperienza non sarebbe stata una gara, né una competizione. Inoltre, non ha mai cercato la prestazione e comunque sarebbe stato molto difficile prevedere cosa sarebbe successo e cosa avrebbe vissuto.

Potremmo chiederci come abbia avuto questa folle idea per arrivare così lontano?

Questo progetto è germogliato nella sua mente molto prima della sua grande partenza, tre o quattro anni fa. All'epoca era alla ricerca di idee per la lettura e si imbatté in "Wild", il libro di Cheryl Strayed. È la storia avvincente di una donna che partì per un capriccio per un'escursione di 1.700 km lungo il Pacific Crest Trail. Aveva amato questo libro e fu anche in quel momento che seppe dell'esistenza del sentiero. All'epoca, non aveva trovato la storia così folle, né irrealizzabile. Senza rendersene conto, l'idea di imbarcarsi nell'avventura di questa lunga distanza si è subito ancorata nella sua testa. È stato nell'agosto 2018 che tutto è iniziato, mentre beveva un drink con un'amica, le ha raccontato di nuovo di questo sogno che era ancora solo allo stadio della fantasia. Curiosa per natura, lo spinse a dirle di più. Gli disse che questo progetto sarebbe stato incredibile, che questo tipo di avventura le somigliava così tanto. A poco a poco l'idea prese piede e si disse che era possibile, che tutto ciò che aveva sognato, finalmente un giorno avrebbe potuto realizzarlo. È solo una questione di scelta . Il giorno dopo questa amica gli ha inviato un messaggio sul suo smartphone che diceva in una frase molto breve ma potente: "se una chiamata continua a fare rumore, non resta che ascoltarla". Ha poi detto a se stesso "dai, perché non io" e 6 mesi dopo stava camminando sul PCT. Prima di partire, si chiedeva ancora se fosse davvero in grado di camminare così lontano e per così tanto tempo? L'unico modo per scoprirlo era farlo. Aveva questo desiderio egoistico di un'avventura solitaria, di cercare i suoi limiti fisici e mentali, di vivere in modo minimalista. Era davvero qualcosa che aveva dentro di sé.

La scelta

 

Hai sempre una scelta, qualunque cosa accada.

Sei accusato di una colpa commessa, hai la scelta di trovare una scusa o di presumere.

Una persona ti incolpa, hai la possibilità di pensare che sia stupido o di chiedere perché lo pensano.

Il mondo è pessimista, puoi scegliere se guardare la TV o fare una passeggiata nel mondo.

Il pianeta sta morendo, hai la possibilità di renderlo inevitabile o di aiutarlo a guarirlo.

Perdi una persona cara, hai la possibilità di lamentarti o onorarla con la tua gioia di vivere.

Non ami la tua vita, hai la possibilità di lamentarti o cambiare.

Fai delle scelte, hai la possibilità di lasciare che gli altri li critichino o di non fregarsene di quello che pensano.

Hai 35 anni, hai la possibilità di vivere la vita del "dobbiamo" o di fare ciò che sei.

Hai sempre una scelta.

Julien haass

Crédit photo : Julien Haass

Il suo entourage non se ne rese subito conto. Quando ne parlò ai suoi genitori, non avevano quasi reagito. Per amore, hanno sempre accettato le sue "follie", ma probabilmente pensavano che questo progetto fosse un altro delirio. Quando hanno visto le prime immagini e video sui social, si sono resi conto che stava prendendo una piega diversa e successivamente sono diventati i suoi primi fan. Quanto ai suoi amici, lo hanno sempre sostenuto. La maggior parte di loro ha capito prima di lui che questa vita di avventure era fatta per lui. È un'occasione per poter contare sul sostegno e sui consigli di chi gli sta intorno. I suoi cari sentivano che era ancorato a questa nuova vita per buone ragioni.

In precedenza, Julien ha avuto una vita che può essere definita "classica". Aveva tutto per essere felice, ma lui  mancava qualcosa per trovare davvero la felicità. È andato a prenderlo in una vita molto più semplice. 5 anni fa ha deciso di vivere una nuova esperienza e di mettere tutta la sua vita in una borsa da vivere in movimento . All'epoca viveva a Parigi. Era un farmacista e faceva solo sostituzioni, il che gli permetteva di avere una certa libertà nel suo programma. Non era in una visione carrierista. Aveva già questo desiderio di costruire una vita personale accanto alla sua attività professionale, in particolare attraverso le sue esperienze nella natura. Infine, la sua avventura PCT è solo una continuazione della sua esperienza di vita nomade che conduce da alcuni anni. A Julien piace essere in movimento, essere itinerante, camminare. Gli piace la lentezza e la semplicità dell'escursione. Gli piacciono i rapporti umani genuini che può avere lungo la strada. È ispirato in questi viaggi da solo circondato dalla natura.

Credito fotografico: Julien Haass

Julien è partito da solo, perché non è molto facile trovare qualcuno con cui fare una passeggiata per 5 o 6 mesi e percorrere più di 4.000 chilometri nel grande West americano. Allo stesso tempo, era anche attratto dalla solitudine e voleva immergersi in essa. Voleva ritirarsi un po' dal mondo moderno e andargli incontro. La solitudine agisce su di lui un po' come una terapia. Spazza via la sua vita, riporta alla mente ricordi, la porta a fare delle scelte, a vivere nuove esperienze. La solitudine lo mette di fronte a chi è veramente. Non può più scappare. Non c'è wi-fi, telefono, TV o rumore per fuggire. Non è sempre facile confrontarsi con se stessi, ascoltarsi e sapere con chiarezza cosa si vuole e dove si vuole andare.

Nonostante questa solitudine, Julien ha comunque fatto dei grandi incontri. Il primo è stato fatto alla fine della traversata della Sierra, dopo aver camminato per un mese nella neve. Sfinito da questo primo calvario, è stato accolto da una persona a casa sua per 4 giorni. È successo il 4 luglio. Gli ha fatto fare un giro della città, lo ha portato a vedere uno spettacolo pirotecnico sul lago. Aveva anche deliziose grigliate e colazioni mostruose ogni mattina. Ha anche trascorso un mese con un gruppo di escursionisti nella Sierra, in particolare per garantire la sicurezza degli attraversamenti di fiumi forti. A volte è vero che potevano esserci passaggi tecnici complicati dove rischiava di farsi prendere la mano e dove soprattutto non doveva cadere. Nonostante il percettibile pericolo, ha sempre avuto la certezza che tutto sarebbe andato bene. Non si è mai sentito veramente in pericolo, tranne forse l'unica volta che ha incrociato la strada con un orso e un lupo. Temiamo molto questi incontri, ma d'altra parte lo speriamo anche noi! Ovviamente per evitare attacchi, come si può dire nelle guide di sopravvivenza, metteva sempre il cibo fuori, mai in tenda. Il cibo era in lattine appositamente progettate in modo che gli orsi in particolare non le aprissero. Era in un ambiente selvaggio che richiedeva molta umiltà e semplicità.

Julien è stato in grado di adattarsi rapidamente a queste difficili condizioni di vita, perché è stato un seguace del minimalismo per molti anni. Per seguirlo sui social, so che non gli piace molto questo termine diventato di moda e improvvisamente troppo generico. Secondo lui, si riferisce a una nozione minima. È vero, continuiamo a vedere articoli come "100 articoli da possedere al massimo" sulla stampa. Perché limitarsi a un numero di oggetti totalmente casuale? Per un'esperienza la capiremmo, ma per tutta la vita possiamo dubitarne. Julien sarebbe più attaccato al concetto di essenzialismo, che ci riporta all'idea di avere solo l'essenziale. Tuttavia, non è sempre stato attratto dall'idea di vivere solo con l'essenziale. Prima nella sua vita precedente, aveva un sacco di cose. Gli capitava come a tutti di aver comprato compulsivamente libri per riempire la sua grande biblioteca, già piena di libri non letti o di essersi innamorato di un enorme divano ad angolo che riempiva lo spazio di un buon appartamento, troppo piccolo per contenerlo. Ma oggi il possesso non lo definisce più. L'esperienza di vivere solo con l'essenziale ha fatto esplodere tutti gli strati che ingombravano la sua felicità. Considera la nostra vita come una borsa, ha una capacità limitata di credenze e valori che ci permette di continuare a muoverci, di andare avanti, ma in caso di troppo può facilmente rallentarci o farci indietro. . Pensa che puoi goderti le cose senza possederle. Certo, ha ancora bellissimi oggetti scelti, come ad esempio il suo smartphone. Nonostante tutto, gli piace l'idea che se lo perde, tutto ciò che deve fare è premere un pulsante per trovarne un altro identico. Non è più attaccato all'oggetto ma alla sua funzione. In breve, si comporta come un padrone di casa. Il profitto senza possedere è il suo ordine di progresso. Oggi pochi oggetti gli sembrano essenziali. Con la sua casa sulle spalle, la borsa è diventata anche il simbolo della sua nuova vita. La leggerezza rende più libero di andare sui sentieri.

 

Nello zaino riusciva a tenere solo l'essenziale. Non ha l'obiettivo di avere il materiale più bello, la borsa più bella, i pantaloni più eleganti. Non vuole entrare in questo gioco di identificazione. Vuole solo l'attrezzatura che gli permetterà di arrivare alla fine dei 4.200 chilometri.  Ha trascorso settimane alla scoperta del mercato delle attrezzature tecniche ultraleggere, incontrando specialisti di camminate a lunga distanza, chiacchierando con avventurieri. All'inizio è partito con 19 kg sulla schiena (acqua e cibo inclusi). C'è stata un'enorme evoluzione tra il pesante fardello della sua partenza e quello del suo arrivo. Poteva davvero vedere che c'erano molte cose, di cui non aveva bisogno sebbene le ritenesse essenziali quando si preparava per la sua avventura. Ha fatto molti compromessi quando si tratta di comfort personale, ma la cosa più importante è stare comodi mentre si cammina. Pensa che la vera libertà sta anche nella leggerezza . Tuttavia, il materiale dipende davvero da ogni persona, dal suo approccio e dalle sue esigenze. Per scoprirlo, è lanciandosi nell'esperimento che possiamo davvero conoscere la formula giusta da applicare. Non è facile prevedere tutte queste cose soprattutto perché ognuno si evolve in modo diverso durante questi mesi di vagabondaggio. Anche se Julien ha passato molto tempo sui forum su Internet alla ricerca dell'attrezzatura giusta, crede che oggi sia meglio iniziare con ciò che si ha e adattare l'attrezzatura man mano che si va.dopo solo 2 mesi, ha dovuto cambiare la sua tenda . Ha iniziato con un sacco da 60 litri e si è concluso con un sacco da 38 litri. Negli Stati Uniti usano molti materiali in Dyneema, una fibra molto leggera e resistente, grazie alla quale la loro nuova tenda pesava meno di 500 g! Su un percorso come il PCT è sempre possibile ordinare l'attrezzatura e riceverla nei paesi più vicini. Alla fine, ha tenuto solo il minimo indispensabile nel suo zaino. Quando cammini per 5 mesi, ogni grammo conta. Ha solo portato qualcosa su cui dormire: un materassino di gommapiuma e un sacco a pelo, anche se il più delle volte dormiva sotto le stelle Quando non era possibile usava la sua tenda. Ha portato pochissimi vestiti (un piumino, una membrana antipioggia, una maglietta a maniche lunghe, una calzamaglia termica). Non aveva mutande e ha indossato gli stessi pantaloncini per 5 mesi. Come altre attrezzature, aveva i suoi articoli da toeletta, una batteria portatile collegata a un pannello solare per ricaricare il suo smartphone, alcuni utensili (lampada frontale, cavi, ecc.), la sua borsa di cibo con un vasetto da mangiare. Ha deciso di non usare una stufa, per una maggiore leggerezza. Mangiava cibi freddi, spesso crudi,  per cui aveva solo bisogno di acqua. Si fermava quando aveva fame, non aveva orari. Aveva spesso barrette di cereali che mangiava tutto il giorno. Non faceva molte pause, non aveva voglia di passare un pomeriggio da qualche parte, aveva bisogno di camminare fino alla fine della giornata, di solito verso le 19 o le 20. Ha determinato le sue fasi in base al cibo che poteva portare, vale a dire in media  4-5 giorni di riserve di cibo. Il massimo era 10 giorni di couscous e bar per durare il più a lungo possibile nelle montagne della Sierra. Le uniche volte che ha lasciato il percorso è stato per raggiungere una strada per fare l'autostop e fare rifornimento. A volte si faceva una doccia, poi tornava da dove aveva lasciato. Ogni giorno cercava i prossimi punti di ristoro, a volte sul sentiero, il più delle volte fuori pista. È difficile in queste condizioni prevedere o anticipare qualcosa. Ha attraversato le fasi una dopo l'altra. In realtà sapeva molto poco di quello che sarebbe successo. Inoltre, si rese conto che mangiava sempre la stessa cosa e che gli andava molto bene. È stato facile!

Credito fotografico: Julien Haass

È vero, leggendo la storia di Julien sul suo account Facebook, ho scoperto una persona umile e genuina, che non prende l'iniziativa. Eppure è un'impresa straordinaria, sia sportiva che mentale, quella che ha appena realizzato! Camminare per 4.500 chilometri o attraversare un'intera catena di montagne innevate avrebbe potuto essere di per sé una conquista, più che sufficiente per dire "ce l'ho fatta", ma l'invidia di Julien era ancora maggiore. Ascoltò la sua vocina interiore che lo portò a questo sogno di nomadismo portato all'estremo, in completa autonomia nel deserto del West americano. Ma il PCT non è un sogno ma una parte della sua vita, della sua personalità, del suo essere. Per fermarlo, non muoversi più è semplicemente non vivere più . Metti tutta la tua vita in una borsa, separati gradualmente da tutti i tuoi beni materiali, vivi in movimento, più leggero, più libero. Ha fatto questa scelta di vita in coscienza.

Julien sogna da tempo di vivere da nomade, senza attaccamento immobiliare e con il minimo di beni materiali, non per diventare un individuo ai margini della società, ma per vivere una vita in movimento. Quasi tutti gli dicevano che sarebbe stato impossibile o che non aveva più la sua età. Che a 35 anni doveva pensare invece di sistemarsi e costruire qualcos'altro. Che non era normale vivere così. Nonostante tutto, decise di intraprendere "l'avventura del momento presente". Ogni giorno, cerca di vivere la quotidianità disconnettendosi da quasi tutto per riconnettersi con se stesso, solo al mondo. Questi momenti sono per la sua mente, quello che il sonno è per il suo corpo, un modo per ricaricarsi. Più che un desiderio, è un bisogno. Non è certamente una perdita. Lui cammina. Vaga, senza meta, generalmente nella natura se può, comunque in un luogo tranquillo e silenzioso e soprattutto senza telefono. Ha pensato a lungo che il suo cellulare lo collegasse al mondo, eppure più tempo ci trascorre e più si sente fuori da esso. 

In movimento

 

Non è solo movimento. ?

Il movimento è soprattutto il sogno nella quiete, il ritorno di sé o l'attesa del nuovo. ?

Prolunga l'avventura vissuta, continuando a farla esistere in una vita quotidiana sedentaria.

Diventa la compagna a cui raccontiamo e ritorniamo e che non si stanca mai.

Anacronistico, è il ritorno all'ordinario di un viaggio nello straordinario.

È ciò che si muove in noi e ciò che ci farà muovere. ?

È il motore del passo successivo. Colui che ci guiderà ancora una volta verso l'ignoto, fuori, altrove. È il fondo dell'onda che presto ci scuoterà. È fantasia, illusioni e allusioni. ?

È questa paura che ci tiene nel conosciuto pur essendo la forza che ci renderà di nuovo un principiante. ?

È meraviglioso e l'ambientazione che ci regala gli occhi dei bambini. ?

 

Julien haass

Per Julien, la libertà è avere la scelta della tua vita. Prende la sua decisione ogni mattina, non è una direzione unica e immutabile. Per lui, nella sua libertà non c'è dipendenza, ma responsabilità. Per molto tempo ha definito la libertà come la possibilità di "fare ciò che voleva, quando voleva". Ha commesso errori, lo riconosce lui stesso. Il suo primo istinto è stato spesso dettato dalla facilità. Appartiene a un mondo, a una generazione dove tutto è subito accessibile, senza fatica, con tutti questi supermercati, questi fast food, e-commerce, ma con il tempo e le esperienze ha capito che questa soluzione comoda non sempre era la scelta migliore . Quando era più giovane, non si rendeva conto che la libertà spesso comporta responsabilità. Lo ha capito molto più tardi. Come poteva essere libero pur essendo dipendente? Aveva preso la strada sbagliata. Oggi libertà e responsabilità sono per lui inseparabili. Decide di essere responsabile della sua vita, delle sue scelte. Non sceglie più la via facile, se questa gli impone la dipendenza. Adesso si sente davvero libero, quando sente di non dovere niente a nessuno. Decide di smettere di fare un lavoro che non gli piace, solo per il facile valore del denaro. Nei nostri paesi occidentali, soprattutto in Francia, dove la parola libertà è tessuta sulla nostra bandiera, questo concetto non è così ovvio. Viviamo al sicuro ok, ma siamo davvero liberi? Come essere liberi se dipendi dalle persone, da un materiale o da un sistema? Imparare a dipendere solo da se stessi, materialmente e intellettualmente è il primo passo per riconquistare la vera libertà, ma non è sempre così in un Paese come il nostro. Sì, c'è la libertà scritta sulla nostra bandiera, ma questa libertà legata ai diritti umani è molto diversa dalla libertà individuale. Viviamo in un paese in cui l'assistentato a volte solleva molte persone dalla responsabilità. Più aiutanti ci sono, più controllo c'è, è un'arma a doppio taglio. Vi è di conseguenza una perdita della libertà individuale. La ricerca della libertà di Julien è quella di andare contro questo sistema di assistentato che ci rende dipendenti da un sistema, persone o beni. La libertà è molto importante per lui. È il suo valore principale e il motivo della maggior parte delle sue scelte. Lo vince nel momento in cui mette piede sul PCT. Quando è impegnato al 100% nei suoi sogni e fa tutto il necessario per metterli in moto, allora è già sulla buona strada. La sua avventura inizia quando chiude la porta di casa sua e non quando l'aereo atterra. Avventura... Adventura... significa "cosa deve succedere". È un incantesimo, un gioco del destino. Per fare questo, devi solo essere fuori e tirare i dadi fortunati senza sapere se il  il biglietto è vincente. Occorre poi cambiare percorso, trovare un nuovo itinerario, tornare o partire.  

Per Julien la scrittura è un modo di vivere e continuare l'avventura. In sostanza, aveva creato la sua pagina facebook come un luogo dove svuotare il cervello. Sente il bisogno di scrivere, di condividere ciò che sta passando e ciò che gli passa per la testa, ma è altrettanto riluttante a farlo, a condividere la sua vulnerabilità e i suoi dubbi. Prima della sua partenza per il Pacific Crest Trail, non poteva uscire dalla pubblicazione. Voleva ma non poteva. Ogni giorno anneriva pagine e pagine con la sua penna a sfera, ma gli mancava l'ispirazione. Sentì improvvisamente il bisogno di incarnare ciò che stava scrivendo, di sperimentarlo e di sentirlo. Ma in quel momento aveva perso il movimento. Era fuori dal momento. Non sono mancate, però, proiezioni e racconti. Tuttavia, hanno riempito solo fogli bianchi. Da quando ha fatto la scelta di rimettersi in moto e mettere tutta la sua vita in una borsa, gli è tornata l'ispirazione per condividere con chi lo segue l'idea del momento. La sua pagina Facebook in definitiva non era solo un luogo dove dare consigli, condividere i suoi consigli, le sue paure, i suoi desideri o le sue gioie. Fa parte di lui, della sperimentazione del suo essere autentico e libero. Nel suo sito web ha voluto creare uno spazio di espressione aperto a tutti. Vuole condividere il peregrinare lì come lo conosce e soprattutto come lo vive. Cercherà di raccontare la storia del cammino, il suo cammino che ti fa passeggiare, muovere o attraversare un continente. Si immergerà in profondità in tutto ciò che il movimento gli fa vivere e pensare. Racconterà anche le sue piccole storie personali, quelle che vive e quelle che immagina nei racconti.

 

Julien ha deciso di abbandonare i social network, ma possiamo trovarlo sul suo sito www.julesalabougeotte.fr  ?

In conclusione, la citazione di Victor Hugo è una buona illustrazione dell'approccio di Julien.  Haass  :

" tutto ciò che aumenta la libertà aumenta la responsabilità".

Per meditare...

 

Buon camino :-)

 

Lionello di Compostela

( instagram , facebook , twitter , youtube , pinterest )

SEZIONE IN COSTRUZIONE

A BREVE NUOVI ARTICOLI,  ISCRIVITI CLICCANDO SUL LOGO